Ald-inc.com

I punti di pressione utilizzati nelle tecniche di autodifesa

I punti di pressione utilizzati nelle tecniche di autodifesa

Grazie al film di arti marziali e fumetti pubblicità per il "dim mak", o "morte touch," degli anni sessanta e anni settanta, coscienza popolare è venuto ad associare i punti di pressione con sorprendente arti come il karate e kung fu (vedere bibliografia 1). In verità, i punti di pressione, zone del corpo che rendono un avversario indifeso quando attaccati, sono molto più comuni nel grappling arts come judo e fermo che wrestling, che dipendono sfruttando il proprio peso e sottolineare la manipolazione articolare e la costrizione delle vie respiratorie arterie o di un avversario.

Arterie e vie respiratorie

Due i punti di pressione più comuni sono le arterie carotiche e trachea nel collo. Una varietà di tecniche chiamato strozzatori sono impiegati per manipolare questi punti, in genere con il risultato di immobilizzare completamente un avversario (vedi riferimenti 2). Costrizione delle arterie carotiche interrompe il flusso del sangue e quindi ossigeno, il cervello, rendering della destinazione dell'inconscio choke in pochi secondi con relativamente poco disagio. Compressione della trachea, d'altra parte, richiede molto più tempo ed è molto più dolorosa per il destinatario. Infatti, considerando che in uno sport impostando la vittima di un choke arteriosa presenterà in genere appena incoscienza è inevitabile, la vittima di un choke trachea presenterà invece dal dolore.

Giunti

Articolazioni comunemente utilizzati come punti di pressione includono non solo le ginocchia e gomiti ma caviglie, dita dei piedi, dita, spalle e anche il collo e colonna vertebrale. Al contrario di strozzatori, le tecniche utilizzate per manipolare le articolazioni si riferiscono generalmente a come serrature, manovelle o barre. Inoltre a differenza di strozzatori, serrature richiedono una grande quantità di leva finanziaria e pertanto vengono eseguite quasi esclusivamente sulla terra piuttosto che in piedi. Nonostante questa limitazione, serrature sono ancora frequentemente impiegate grazie alla loro velocità e gli effetti devastanti. Anche uno strozzatore correttamente applicato richiede, come minimo, alcuni secondi per immobilizzare un bersaglio, mentre un blocco comune correttamente eseguito istantaneamente può paralizzare o, nel caso del collo e del midollo spinale, uccidere (Vedi i riferimenti 3).

Organi e altri settori

Anche se la maggior parte dei punti di pressione può essere sfruttati solo attraverso grappling, un numero invece sono esclusivi per colpire. Due dei più devastanti di questi sono comuni nelle impostazioni di sport, tra cui la boxe, kickboxing e arti marziali miste: il fegato e il plesso solare. Scioperi direttamente al fegato o al plesso solare sono incredibilmente dolorosi e possono disattivare in modo efficace un obiettivo tutto da soli. Inoltre, lo sport colpisce, a differenza di grappling, pribisce a contatto con molti punti di pressione che sono utili in un ambiente di Self-Defense. Gli esempi includono gli occhi, gola e genitali maschili, che potrebbe causare danni significativi ed addirittura permanenti se colpito con forza (vedi riferimenti 4).